Opere sistema Mose: direzione lavori bocca di Porto di Lido

Chiudi scheda
Mose – bocca di porto
Mose – bocca di porto
Mose – bocca di porto
Mose – bocca di porto

Il Sistema Mose, prevede sulle 3 bocche di Porto lagunari la predisposizione di 4 schiere di paratoie (2 sulla Bocca di Lido) per difendere Venezia dalle acque alte.

A Lido Treporti è prevista la realizzazione di queste opere:

  • rinforzo con ampliamento delle sponde esistenti;
  • costruzione di terrapieni conterminati da moli in pietra foranea per la formazione di porti rifugio e degli edifici di Spalla Est e di conca di navigazione;
  • dragaggi e protezione del \ esistente;
  • dragaggio confinato tra doppio palancolato per sede di alloggiamento dei cassoni di barriera;
  • consolidamento del fondale con jet-grouting;
  • formazione di un’isola artificiale conterminata da pietra foranea e riempita con materiale di risulta proveniente dai dragaggi;
  • esecuzione della Spalla Ovest;
  • realizzazione di una lunata;
  • costruzione dei cassoni di alloggiamento delle paratoie e loro posa sul fondale.

In corrispondenza della bocca di porto di Lido il Mose comprende 2 barriere (barriera di Lido Sud, Canale S. Nicolò con n. 20 paratoie e barriera di Lido Nord, Canale Treporti con n. 21 paratoie) oltre ad un porto rifugio con n. 2 bacini collegati da una conca di navigazione. Le due barriere si intestano lateralmente su opere di spalla lato terra e su opere di spalla posizionate su di una nuova isola artificiale realizzata sul centro della e trave bocca che quindi le collega ed altresì ospita la maggior parte degli impianti per il loro funzionamento. Gli impianti principali vengono predisposti all’interno di n. 3 edifici seminterrati posizionati lato canale S. Nicolò. Le paratoie delle schiere vengono incernierate su cassoni in c.a. detti “alloggiamenti delle paratoie” e costituiti da elementi cellulari monolitici dotati di impianti per la movimentazione delle paratoie e delle relative cerniere. I cassoni (n. 2 di spalla e n. 7 di soglia) sono varati all’interno del rispettivo recesso di barriera ad una quota tale da avere l’estradosso alla stessa quota del fondale della sezione di chiusura.